.
Punto Snai on line Calcio Giocato Home Page

Traumi del calcio

Traumi del calcioIl gioco del calcio, per i virtuosismi di equilibrio che impone, per le finte, gli scatti, le scivolate, le cadute... Mette a dura prova la colonna vertebrale dei giocatori.
Difatti, questo sport, produce squilibri nel rachide vertebrale, anche nei movimenti più banali come stoppare la sfera o saltare di testa per colpire la palla.

E' possibile immaginare quante sono le sollecitazioni meccaniche previste ed impreviste, ripetute, creino i prodromi alla patologia lombare, lombosacrale tanto diffusa nei calciatori.

Nel gioco del calcio, come in tutte le attività fisiche, gli eventi traumatici sono sempre in agguato. Escludendo i calci sul rachide quando i calciatori sono a terra, le gomitate più o meno violente, le cause eziopatogenetiche possono individuarsi in:
- Traumi diretti sul rachide, causati da calci o scontri violenti tra giocatori.
- Cadute sulle natiche.
- Rotazioni, flessioni o estensioni del busto.
- Disarmonicità cinetiche.

Come possiamo contrastare i traumi?
Più la muscolatura sarà preparata ed allenata in senso completo, senza esclusioni di alcun distretto, maggiore sarà la possibilità di assorbimento e di attenuazioni di urti.

Gli allenatori o preparatori atletici dovranno impegnarsi a creare nei calciatori uno sviluppo armonico di tutto il morfogramma muscolare. Solo così possiamo limitare i rischi di traumi e infortuni.



• Le rubriche di Calcio Giocato: