.
Punto Snai on line Calcio Giocato Home Page

La Maledizione Royal Sporting Club Anderlecht

Royal Sporting Club AnderlechtFondato nel lontano 27 maggio 1908 il Royal Sporting Club Anderlecht, un quartiere di Bruxelles a metà tra l'industriale e il residenziale, è la società più titolata e squadra simbolo del Belgio, un club illustre che ha scritto una grande pagina del libro del calcio.

La mappa del calcio europeo e mondiale ha subito profonde trasformazioni nell'ultimo ventennio. Infatti, i tifosi più giovani, sono totalmente all'oscuro tra la grande rivalità che esisteva tra le squadre italiane e l'RSCA.

Per anni, contro quegli irriducibili guerrieri con la casacca color malva, noi italiani non abbiamo mai avuto troppa fortuna. Una vera e propria maledizione ciclica che, a intervalli regolari si è sistematicamente abbattuta per circa 20 anni su tutte le formazioni italiane. La maledizione RSCA, meglio conosciuta come Anderlecht.

La prima vittima del club numero uno di Bruxelles e del Belgio fu il Bologna di Fulvio Bernardini, quello che schierava Bulgarelli, Nielsen, Haller e Pascutti giocava come si poteva fare "solo in paradiso".
Siamo al primo turno della coppa dei campioni 1964/65 e, dopo una vittoria per parte, è in programma lo spareggio a Barcellona, città a quei tempi molto lontana dal grande calcio giocato.
I rossoblu dominano e mettono alle corde l'avversario, ma l'Anderlecht del leggendario Paul Van Himst, il Rivera del Belgio, riesce a resistere anche nei supplementari. La monetina si infila perfino di taglio nel terreno di gioco dopo il primo lancio dell'arbitro, bisogna tirarla nuovamente e il responso è maledettamente chiaro: Anderlecht.

Dopo il Bologna, l'Inter di Herrera
Nella stagione 1969/70 l'anderlecht si sbarazza nella semifinale di coppa Uefa dei milanesi. I belgi trovano la gloriosa Inter di Heriberto Herrera, una squadra che poteva ancora vantare su alcuni eroi dell'epopea Morattiana: Burgnich, Facchetti, Suarez, Mazzola, Corso, con in più Boninsegna al centro dell'attacco nerazzurro. Ma la maledizione RSCA si abbatte anche sull'Inter. Il doppio scontro con Van Himst e compagni si rivela drammatico, con un 2-1 complessivo per la squadra belga.

Giunge l'ora del Napoli
Sette anni più tardi tocca al Napoli di Totonno Juliano e Beppe Savoldi, sempre in semifinale, ma questa volta nella coppa delle coppe. Gli azzurri vincono 1-0 al San Paolo di Napoli, ma in Belgio si scatenano i fuoriclasse olandesi Haan e Rensenbrinck e due gol di Thissen e Van der Elst chiudono irrimediabilmente il conto lanciando l'Anderlecht verso la finale che però andrà all'Amburgo.

E' il turno del Trap
Siamo nella stagione 1981/82 e, al secondo turno della coppa campioni, i belgi di Tomislav Ivic incontrano la Juventus di Trapattoni. L'andata termina 3-1 a Bruxelles per i padroni di casa, il giustiziere di turno è Geurts che realizza una tripletta. Nel ritorno i bianconeri sciupano troppe occasioni e non vanno oltre l'1-1.

Dopo questi 4 casi si capisce perchè abbiamo parlato di maledizione Royal Sporting Club Anderlecht. Quattro sfide dove le migliori squadre italiane del momento infrangevano i loro sogni di gloria contro la formazione belga.

Per la cronaca bisogna precisare che nel 1971/72, il Bologna di Edmondo Fabbri riesce a salvare l'onore italico e a prendersi una bella rivincita sui rivali di sette anni prima al turno d'esordio di coppa Uefa.




• Le rubriche di Calcio Giocato: